PASQUA A PRIZZI (PA): IL BALLO DEI DIAVOLI

La morte ed i diavoli a "caccia" di anime, a Prizzi
La morte ed i diavoli a "caccia" di anime, a Prizzi

L'approssimarsi della Pasqua in Sicilia evoca antichi riti con i quali si celebrava, nelle manifestazioni pagane, l'equinozio di primavera che suggerisce, con la rinascita della vegetazione, l’idea della risurrezione dopo la morte, rappresentata dall’inverno.

 

Ad esempio, a Prizzi le celebrazioni della Settimana Santa iniziano la Domenica delle Palme con la solenne rappresentazione dell'ingresso trionfale di Gesù a Gerusalemme e proseguono con la Crocifissione e successiva deposizione del Cristo Morto nel giorno del Venerdì Santo.

 

Per i Prizzesi la Pasqua si richiama alle più remote consuetudini popolari ed evidenzia numerosi elementi teatrali come accadeva nelle tragedie greche. Ma affinché l'effetto tragico si realizzi bisogna richiamarsi all'eterna lotta fra le forze del bene e quelle del male.

 

Nel magico spettacolo del "Ballo dei Diavoli", dove fede e folclore sono intimamente fuse, gli elementi drammatici scaturiscono da alcune rappresentazioni mute che consentono all'animo umano di partecipare all'ideale incontro-scontro tra cristianesimo e paganesimo, tra la primavera e l'inverno, tra la luce e le tenebre, tra la vita e la morte.


Le strade del paese si animano già all'alba del giorno di Pasqua per questa presenza remota che si perpetua costantemente. La morte, vestita con una tuta gialla ed un'orrenda maschera anch'essa gialla, con una balestra in mano e due diavoli, che indossano tute rosse, con il volto celato da maschere di latta sormontate da un paio di coma e le spalle coperte da pelli di agnello, si aggirano rumorosamente per le vie del paese fermando i passanti, catturandoli ed impadronendosi simbolicamente delle loro anime.


Nel primo pomeriggio, nel corso principale del paese ed in altri cinque punti dislocati in varie zone di Prizzi, si verifica la scena madre. I diavoli e la morte tenteranno di impedire l'incontro festoso tra le statue del Cristo Risorto e della Madonna correndo di qua e di là frenetici e, nell'incontro ravvicinato tra il Cristo e la Madre, il manto nero di quest'ultima cadrà per terra cedendo il posto a quello azzurro smagliante, mentre i diavoli e la morte, perduta la baldanza mattutina, cadranno uccisi dagli angeli incitati dalla banda musicale e dalla popolazione festante.

 

A Cerro Maggiore (MI), mostra-mercato dei formaggi tipici e d'alpeggio
LA DISPENSA CONTADINA
dal 25 aprile al 1° maggio


Ogni martedì e venerdì alla
Dispensa Contadina è pronta la vostra spesa, con frutta e verdura fresca di stagione.

Questa settimana la “borsa della spesa” comprende:
zucchine, insalata, rucola, prezzemolo, carote, coste bianche, pomodori, mele, fragole.

Spesa piccola per 1-2 persone
€ 15 (contenuto circa kg 5)

Spesa famiglia per 3-4 persone
€ 24 (contenuto circa kg 9)

Per l'ordine:
terregusti.piemonte@libero.it.

24800 RICETTE gratis

Termini da ricercare:

Dove fare la ricerca:

Loading